Fondi Ue, De Vincenti: La Corte dei Conti usa dati superati

5 gennaio 2018

Al 31 dicembre centrati gli obiettivi fissati dalla Commissione

"Con riferimento agli estratti della Relazione della Corte dei Conti sui rapporti finanziari con l'Unione Europea riferiti oggi da fonti di stampa, segnalo che con ogni evidenza si basano su dati ormai del tutto superati". È quanto afferma il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti che, poi, aggiunge: "La spesa dei fondi strutturali certificata a Bruxelles dalle Autorità di Gestione responsabili dei programmi assomma infatti - al 31 dicembre - a 2,6 miliardi di euro (5,2% dei fondi Fesr e Fse) centrando pienamente l'obiettivo stabilito dalla Commissione Europea per l'Italia nel 2017".

"Le risorse attivate, corrispondenti cioè a interventi già in fase di attuazione - prosegue De Vincenti - sfiorano i 20 miliardi di euro, raggiungendo il 38,8% delle risorse Fers e Fse, percentuale in linea con la media europea, come è stato verificato nel corso dell'Incontro annuale tra Commissione UE e Autorità di gestione italiane che si è svolto il 23 novembre scorso a Roma".

"Questi sono i dati certificati al 31 dicembre 2017 - conclude il Ministro - Le valutazioni, a oggi, si fanno su questi dati".

Fondi europei
Torna all'inizio del contenuto